Diventare una signora (Gonulcelen) Serie TV

Titolo originale: Gonulcelen
Titolo italiano: Il tuo cuore
Conosciuto anche come: Diventare una signora
Genere: Romantico, Commedia
Episodi: 56
Rete di trasmissione: ATV
Periodo di trasmissione: 25 febbraio 2010 – 24 giugno 2011
Società di produzione: Sis Yapim
Direttore: Cevdet Mercan
Sceneggiatura: Sertac Ergin, Nilgun Ones, Kerim Ceylan, Gul Dirican, Dilek Edwards

Sinossi
Murat (Cansel Elcin) è un musicista giovane ma di successo. Dopo aver trascorso molti anni all’estero, torna a Istanbul dove è nato e cresciuto. Un giorno, mentre è in giro con il suo amico Levent (Onur Saylak), si imbatte in una giovane ragazza che si guadagna da vivere vendendo fiori e cantando di tanto in tanto in una band.

Murat sente il potenziale nella sua voce inesperta e accetta di scommettere che può trasformare questa ragazza di fiori grezza Hasret (Tuba Buyukustun) in una signora. Questa scommessa cambia non solo la vita di Murat ma anche quella di Hasret.

Mentre Murat cerca di trasformare questa zingara in una signora insegnandole a parlare, cantare e recitare correttamente, incontra l’altra parte della Turchia. Durante il processo di trasformazione, sia Murat che Hasret scoprono un amore e un mondo diverso.

In questa storia vedrai un’enorme trasformazione di una giovane donna con un spirito libero.Riuscirà Murat a trasformare Hasret e vincere la scommessa? Hasret imparerà i segreti della musica attraverso la formazione classica? Il rispettato, ricco e nobile Murat si innamorerà della povera Hasret?

Cast e personaggi

Tuba Buyukustun nel ruolo di Hasret
Cansel Elcin nel ruolo di Murat
Gunay Karacaoglu nel ruolo di Gulnaz
Onur Saylak nel ruolo di Levent
Umut Kurt nel ruolo di Kadir
Unal Silver nel ruolo di Burhan
Tuna Orhan nel ruolo di Bekir
Ayda Aksel nel ruolo di Nesrin
Ilhan Sesen nel ruolo di Ethem
Nadir Saribacak nel ruolo di Kobra
Yasemin Conka nel ruolo di Nakiye
Oyku Celik nel ruolo di Nazar
Evrim Alasya nel ruolo di Balcicek

Leave a Reply

Your email address will not be published.